Sembrerebbe un coro unanime quello delle voci alzatesi in segno di approvazione nei confronti del ventitreesimo film della saga ufficiale di James Bond. Stiamo parlando, ovviamente, di Skyfall diretto dal Premio Pscar Sam Mendes e interpretato da Daniel Craig, chiamato per la terza volta, in sei anni, a vestire i panni del celeberrimo agente britannico.

Maturità e modernità della trama, grande lavoro di approfondimento psicologico dei personaggi, sequenze d’azione sensazionali e innovative, sono i fattori che, a detta del grosso pubblico e di una critica schieratasi in maniera pressoché compatta, hanno decretato il successo di quello che qualcuno già si azzarda ad indicare come “il miglior Bond di sempre”.

Un Bond credibile, proiettato nel futuro senza rinunciare al passato, impersonato in maniera finalmente adulta da un attore con i fiocchi. Ciliegina sulla torta: la strepitosa canzone per i titoli di testa, magistralmente interpretata da Adele, la star del momento.

Tutto bello, tutto giusto e tutto molto apprezzato. Una saga che, a questo punto, sembrerebbe più che mai rilanciata verso nuovi grandi traguardi.

Ebbene, nel mio piccolo di appassionato fan e discreto conoscitore del personaggio (soprattutto nella sua versione cinematografica) permettetemi di staccarmi da quel coro di cui sopra, esprimendo un parere di tutt’altro tenore.

         

Skyfall, secondo me, lascia la saga di James Bond a un punto morto o, per meglio dire, sull’orlo di un baratro dal quale ci si potrà salvare solo con un ulteriore totale stravolgimento che, di per sé, rappresenterebbe comunque un rischio, soprattutto a una distanza così relativamente breve rispetto alla rivoluzione già operata con Casino Royale. E proprio questo film, che all’epoca mi lasciò abbastanza perplesso, mi tocca rimpiangere osservando come il confusionario, maldestro, contradditorio Skyfall abbia azzerato tutto quanto di buono era stato abilmente messo in campo dall’ottimo mestierante Martin Campbell, già artefice della rinascita del personaggio nel 1995 con Goldeneye interpretato per la prima volta da Pierce Brosnan, dopo la fallimentare esperienza dei due film con Timothy Dalton.

The Gunman

In Italia dal prossimo 7 maggio il nuovo noir con Sean Penn

Lucius Etruscus, 21/04/2015

Io & Bond [Special] Skyfall

Cambiare tutto per non cambiare niente? Forse. E forse no. Bond soffre, suda, sanguina. Sbaglia il bersaglio....

Stefano Di Marino, 2/11/2012

Io & James Bond. Introduzione

Dalla revisione dei film di James Bond ho appreso moltissimo sul linguaggio, sulla visualizzazione delle vicende,...

Stefano Di Marino, 21/08/2012