Le riprese del 23esimo film di 007 dovrebbero partire tra due settimane, per la precisione il 7 novembre stando alle indiscrezioni del tabloid inglese The Sun, secondo il quale intorno a quella data Daniel Craig sarà protagonista nel centro di Londra di alcune pericolose scene acrobatiche con la presenza di una Range Rover Evoque e una Jaguar. Le riprese in interni, secondo The Guardian, sarebbero invece già partite in sordina nei Pinewood Studios.

Questa è certamente una delle pellicole più travagliate della serie, soggetta a continui rinvii a causa dei guai finanziari della Mgm, e costretta ultimamente a spostare alcune importanti location dall'India al Sudafrica per le difficoltà interposte dalle ferrovie indiane a girare sui propri treni. Comunque sia, il film è ora al nastro di partenza e dovrà andare avanti senza troppi indugi perché è già stata fissata una data d'uscita che, salvo contrordini, sarà il 9 novembre 2012, tra circa un anno. Prima di fine novembre, in una conferenza stampa nei Pinewood Studios saranno svelati tutti i dettagli, ma sin da ora ci sono alcuni punti fermi, primo fra tutti il protagonista, che sarà per la terza volta Daniel Craig, fresco di nozze con l'attrice Rachel Weisz.

Altrettanto sicuro è che il regista sarà Sam Mendes, premio Oscar per American Beauty, noto più per drammi intimisti che per film d'azione. E' molto probabile che Bond 23 chiuderà la trilogia iniziata con Casino Royale nel 2006 e proseguita nel 2008 con Quantum of Solace. Poi ci sono i comprimari: è stato recentemente confermato che Javier Bardem sarà il cattivo di turno, ed è certo che una delle Bond-girl sarà Berenice Marlohe, attrice francese sinora poco conosciuta. Quanto a M., il capo di Bond sarà ancora una volta Judi Dench, ormai una veterana. Il ruolo di Moneypenny, la segretaria innamorata dell'agente 007, è stato invece affidato a Naomie Harris, l'attrice di origini jamaicane conosciuta per la serie Pirati dei Caraibi.

Nel cast c'è anche Helen McCrory, la Narcissa Malfoy della saga di Harry Potter, ed è stato fatto il nome, non confermato, di Rhys Ifans.

Skyfall: una visione contraria

Questo film ricorda certe operazioni di “finanza creativa” dove si distrugge un patrimonio acquisito nel tempo...

Romano De Marco, 22/11/2012

Skyfall: una visione contraria

Dal saggista e romanziere Romano De Marco arriva una voce fuori dal coro riguardo alla nuova fatica bondiana: una...

Lucius Etruscus, 22/11/2012

Skyfall

Sergio Gualandi, 10/11/2012