È difficile guardare il male negli occhi. È molto più facile voltare lo sguardo e far finta che il male non esista. Ma il male esiste. E meno lo guardi, meno ne parli, più lui prolifera. Nel buio. Nella paura della gente. Nell'indifferenza generale.

Il male andrebbe guardato negli occhi e affrontato. Pochi hanno il coraggio di farlo. Quasi nessuno. Una di queste poche persone si chiama Andrew Vachss, scrittore noir di New York di grande successo in mezzo pianeta, e agguerrito avvocato, i cui soli clienti sono bambini, la maggior parte dei quali vittime di abusi.

Vachss conosce il male. L'ha visto all'opera; l'ha conosciuto quando è stato assistente sociale, l'ha approfondito quando è stato direttore di un carcere di massima sicurezza per giovani violenti, gli ha sputato in faccia quando è stato ambasciatore dell'ONU in Biafra in piena guerra civile, l'ha combattuto, (e lo combatte tutt'ora), quando s'è laureato in legge con il massimo dei voti, e ha iniziato a lottare nelle aule dei tribunali, difendendo bambini vittime di abusi. 

Vachss conosce il male. E sa bene che il male va combattuto, e che il primo passo per combatterlo è parlarne. Per questo ha deciso di scrivere. Per parlare del male. Per gridarci che esiste. Per invitarci a non stare a guardare, ma fare qualcosa di concreto.

Ha scelto di ispirare la sua fiction ai fatti reali, mirando a sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della violenza sui minori. Definisce i suoi libri dei "cavalli di troia", perché non sono solo dei prodotti di svago, ma portano al loro interno un forte messaggio: aprite gli occhi e combattete. Un altro messaggio, (forse sarebbe meglio dire "grido"), che Vachss lancia al suo pubblico, è che nessuno nasce cattivo; siamo noi a creare i nostri mostri. E i mostri generano a loro volta dei mostri: Vachss è solito usare l'esempio dei bambini vittime di stupri, che in una grossa percentuale diventano a loro volta pedofili. Per questo è necessario combattere il male, afferma lo scrittore, perché il male è un virus molto contagioso.

Vachss è più di uno scrittore. È un guerriero. Quella che lui combatte è una guerra contro la pedofilia e la violenza sull'infanzia.

La cattiva stella di Simenon

Una nuova ricca antologia di racconti di Georges Simenon arriva in libreria, grazie ad Adelphi

Lucius Etruscus, 7/11/2019

Seduzione fatale

Una psicologa scopre che qualcuno carpisce a suo vantaggio i segreti che gli vengono confidati dalle sue pazienti....

Pino Cottogni, 7/12/2011

Alfredo Colitto

Incontro con un autore di talento specializzato, fra l’altro, nella traduzione di thriller mozzafiato

Lucius Etruscus, 31/10/2011