Per interpretare il film-maker più riconoscibile di tutti i tempi, la squadra di Hitchcock (2012) ha pensato che non ci fosse attore più adatto del premio Oscar Anthony Hopkins. Hopkins è noto soprattutto per la sua indimenticabile interpretazione dello psicopatico manipolatore Hannibal Lecter, che ha collaborato alla cattura di un sofisticato e moderno Norman Bates di nome Buffalo Bill, ne Il silenzio degli innocenti (1991). Tuttavia la sua variegata rosa di ruoli, fra cui The Elephant Man (1980), Quel che resta del giorno (1993), Nixon (1995) e Viaggio in Inghilterra (1993), rivela la sua incredibile versatilità ad incarnare le personalità più complesse.

«Sono sempre stato affascinato da Hitchcock», dichiara Hopkins. «Il mio primo ruolo è stato in teatro a Manchester, nel 1960; ricordo che in quel periodo andai al cinema a vedere Psycho. Era una domenica sera di ottobre, e non penso di avere mai avuto tanta paura in vita mia. In quel momento era senza dubbio il film migliore che avessi visto. La finestra sul cortile e Psycho sono i miei film preferiti di Hitchcock».

       

Sacha Gervasi - il regista di Hitchcock - dichiara di non aver cercato una sorprendente somiglianza fisica ad Alfred Hitchcock, bensì un attore che fosse in grado di portare alla luce gli elementi più sottili e vitali della sua personalità: l’umanità che vibra al di sotto del suo ben noto lato geniale, le sue eccentricità e il suo umorismo tagliente. «Non volevamo semplicemente impersonare Hitchcock, questo era chiaro fin dall’inizio», spiega Gervasi. «La cosa più importante era rivelare lo spirito dell’uomo e Anthony Hopkins è un maestro in questo, soprattutto per quanto riguarda personaggi leggendari quali Richard Nixon, Pablo Picasso e C.S. Lewis. Quando lo vediamo nei panni di Hitchcock, è subito convincente, ma il suo potere di attore è così profondo che, dopo solo poche frasi, si resta completamente catturati dalla sua versione di Hitchcock. Sono pochissimi gli attori capaci di fare questo, nel mondo. Era veramente l’unico che secondo me avrebbe potuto interpretarlo. Infatti ho detto ai produttori che se lui non avesse potuto farlo, non avremmo dovuto fare il film».

Hitchcock Pressbook [05] Perkins e Robertson

Quinto appuntamento con il pressbook del nuovo attesissimo film sulla lavorazione di “Psycho”. Protagonisti...

Lucius Etruscus, 7/01/2013

Hitchcock Pressbook 4: Janet e Vera

Quarto appuntamento con il pressbook del nuovo attesissimo film sulla lavorazione di “Psycho”. Protagonisti...

Lucius Etruscus, 31/12/2012

Hitchcock Pressbook [04] Janet e Vera

Quarto appuntamento con il pressbook del nuovo attesissimo film sulla lavorazione di “Psycho”. Protagonisti...

Lucius Etruscus, 31/12/2012