Essere definito da Stephen King «il più grande fra i grandi» non è cosa da poco. Non lo è nemmeno poter vantare una bibliografia che supera nettamente i 100 romanzi e una innumerevole quantità di racconti, sceneggiature, adattamenti cinematografici, firmati con almeno dieci diversi pseudonimi nel corso di una produzione letteraria che ha spaziato fra i generi più svariati come il mistery, il noir, il western, la fantascienza, la satira di costume e la fantapolitica.

Tutto questo (e tantissime altre cose) è stato Donald E. Westlake, classe 1933, scomparso il 31 dicembre 2008 a causa di un attacco cardiaco che lo ha stroncato mentre si recava al cenone di capodanno insieme ai suoi amici. Quell’infarto ci ha privati di uno splendido settantacinquenne che, dopo mezzo secolo di onorata carriera letteraria, non aveva mai manifestato alcuna intenzione di voler interrompere la sua eclettica, monumentale attività artistica che pure ha registrato nel tempo numerosi cambiamenti di rotta e di tono. Quentin Tarantino lo ha pubblicamente riconosciuto come uno dei principali ispiratori della sua poetica pulp e autori del calibro di Michael Connelly, Jeffery Deaver, Elmore Leonard lo hanno definito, senza mezzi termini, un solido punto di riferimento per le loro rispettive carriere artistiche.

Westlake ha saputo mantenere costante, nella sua produzione letteraria, un altissimo livello di creatività, di professionalità, di lucida autoironia che hanno contribuito a renderlo universalmente riconosciuto come un classico tra i classici.

Cimentarsi nell’analisi dell’opera completa di questo autore costituirebbe un’impresa ciclopica, da affrontare, semmai, nell’ambito di un saggio approfondito, non certo di un singolo articolo. La sua straordinaria carriera gli ha fruttato numerosi riconoscimenti, fra i quali non va dimenticata l’assegnazione del prestigioso Edgar Award in ben tre diverse categorie (miglior romanzo, miglior racconto, migliore sceneggiatura). Voglio limitarmi, in questa sede, ad affrontare solo alcuni aspetti della produzione letteraria della sua “incarnazione” Richard Stark, che con ventinove romanzi, di cui venticinque dedicati al personaggio di Parker, ha lasciato un segno indelebile nella storia della letteratura mistery del ventesimo secolo (e, ne sono certo, di quelli a venire).

                      

Parker è un rapinatore professionista, un anti eroe determinato, freddo, disincantato, ma con un personalissimo codice d’onore, con una propria connotazione “morale” che, per quanto distorta e del tutto discutibile, contribuisce a fare di lui un personaggio affascinante e carismatico, archetipo dei tanti “irresistibili cattivi” degli anni a seguire, dal Burke di Andrew Vachss al Vic Mackey del serial TV-capolavoro The Shield.

Richard Stark: ritorno alle origini del noir

Il romanziere e saggista Romano De Marco ci guida nell’universo noir del celebre alter ego di Donald Westlake, con...

Lucius Etruscus, 11/01/2012

Parker dietro le sbarre

Un preziosissimo romanzo di un maestro del genere arriva in edicola, con un “padrino” d’eccezione che abbiamo...

Lucius Etruscus, 23/12/2011

Cristiana Astori

Le confessioni di Lady Dexter: la donna che traduce i romanzi con protagonista il più celebre serial killer degli...

Lucius Etruscus, 26/09/2011