Un connubio tra azione e comicità di Hong Kong e un grande successo giapponese: questo è alla base di “City Hunter” (Sing si lip yan, 1993), particolarissima pellicola che la collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali”, firmata Gazzetta dello Sport e Stefano Di Marino, presenta da ieri in edicola.

Diretto da una firma prestigiosa come quella del prolifico Wong Jing (di cui solo pochi film sono arrivati in Italia, come “Meltdown - La catastrofe” e “La leggenda del Drago Rosso”) e interpretato dal mattatore Jackie Chan, forse questo film non sarà fra i più riusciti di Hong Kong, ma lo stesso regala ai fan scene indimenticabili e attori in stato di grazia.

Shizuko Imumura (Kumiko Goto) è la figlia di un ricco proprietario di un giornale giapponese: scappa di casa e il ricco padre per ritrovarla ingaggia la City Hunter. È questa un’agenzia formata solamente da due persone: Ryu Saeba (Jackie Chan) e Kaori Makimura (Joey Wong). Il primo è un giovane dongiovanni molto più interessato alle gonnelle che al lavoro, e la seconda è la sua collega segretamente (ma non tanto) innamorata di lui e perennemente gelosa. I due si ritrovano ad inseguire la giovane fuggiasca in una nave che, in alto mare, verrà presa ostaggio da alcuni criminali capeggiati dal perfido colonnello MacDonald (Richard Norton) e dalla sua spietata guardia del corpo (Gary Daniels). Fra azioni rutilanti e comicità esagerata, la City Hunter risolverà la situazione.

 

Come si diceva, il film si pone come la trasposizione cinematografica del manga omonimo di Tsukasa Hojo divenuto poi negli anni Novanta un anime di successo in molti Paesi, compresa l’Italia. Non si può certo dire che Jackie Chan abbia il physique du rôle per vestire i panni di Ryu Saeba: un personaggio alto e muscoloso e dallo sguardo magnetico mal si adatta al buon Jackie, mingherlino e dal sorriso sornione (per non parlare poi dell’ampia giacca bianca indossata, che lo fa sembrare ancora più

57. Gazzetta Marziale 38. Ventaglio bianco

Un altro grande successo di Jackie Chan, una pellicola dove l'attore-regista di Hong Kong dà svariati saggi della...

Lucius Etruscus, 4/12/2010

55. Gazzetta Marziale 36. Project A 2

Arrivato tardi in Italia, da ieri in edicola il sequel di un celebre film di Jackie Chan. La qualità tecnica...

Lucius Etruscus, 20/11/2010

54. Gazzetta Marziale 35. Due cugini

Jackie Chan torna in edicola, nell'ultimo film di un genere che gli ha donato fama e celebrità: un omaggio...

Lucius Etruscus, 13/11/2010