Vent’anni o giù di lì... Andy McNab ha cominciato, così vuole la leggenda, come operativo dello Special Air Service. Ce lo ha raccontato in Azione immediata (Immediate Action, 1995) e in Pattuglia Bravo Two Zero (1993) sulle sue esperienze nella prima Guerra del Golfo.

Ci dicono che, per proteggere la sua incolumità e il segreto delle truppe speciali di Sua Maestà, il suo sia uno pseudonimo. Pare anche che qualcuno lo abbia aiutato nella stesura dei suoi primi lavori e nel passaggio dalla “faction” (narrativa basata su fatti reali) alla “fiction” (fantasia più sfrenata). Di certo in questi anni ha sfornato con regolarità romanzi che presentavano per protagonista Nick Stone, ex SAS dall’animo piuttosto cupo impegnato in missioni che mescolano spionaggio e azione.

Rivale in patria di Chris Ryan, negli anni McNab ha mutato parecchio il suo stile narrativo e se i primi romanzi erano, a mio avviso, inutilmente lunghi, un po’ lagnosi e ingolfati di particolari tecnici che a volte pesavano sulla vicenda, negli ultimi romanzi ha acquisito maggiore scioltezza. Esperienza o “aiutanti” differenti? Poco importa, perché se anche rimangono tracce di quella meticolosità che a volte fa sembrare le sue storie dei “manuali sulla manutenzione della mitragliatrice” il ritmo si è fatto più rapido, le vicende più movimentate e avvincenti.

È il caso di Red Notice (2012), la nuova serie ancora inedita con un protagonista nuovo che questa volta sarà un effettivo del famoso reggimento, e anche di questo Dead Centre (2011) che riporta in primo piano proprio il buon Nick Stone.

          

L’azione ha un prologo originale e ben raccontato nel 2005 poco dopo lo tsunami. Stone e due commilitoni del SAS si trovano nel sud-est asiatico per prestare soccorso. In realtà hanno un incarico di copertura per eseguire una missione in una città devastata. Peccato che i suoi due compagni proprio non possano stare vicini. Mong, grosso e leale, non sopporta l’atteggiamento di BB (che sta per Beautiful Body!) che lo stuzzica su presunte infedeltà della moglie. Fatto sta che, durante la missione, Mong muore e BB scompare.

Torniamo ai tempi nostri a Mosca dove Nick si trova separato dalla sua attuale compagna, giornalista russa inviata in Libia durante la rivoluzione. Nick viene avvicinato da un oligarca, Frank Tamis, che gli offre un incarico delicato. Curiosamente la vedova di Mong, Tracy, ha sposato proprio l’oligarca dandogli un figlio, Stefan. Purtroppo mamma e figlio sono stati rapiti da pirati somali durante una crociera. E, sorpresa!, con loro c’è il capo della sicurezza di Frank, che è proprio BB. Siccome la vita è strana ma le coincidenze non esistono, Nick non ci vede chiaro. Soprattutto perché si accorge che qualcuno tenta di sabotare le sue manovre per recuperare gli ostaggi sin da Londra. Pare che l’oligarca sia legato a Putin e, soprattutto, sia nel mirino di alcuni killer georgiani.

Azione letale per Nick Stone

Spietato e giusto, Nick Stone è tornato

Lucius Etruscus, 20/07/2021

Colpo a freddo

Diciottesima avventura mozzafiato per Nick Stone

Lucius Etruscus, 3/09/2020

Cosa leggeremo: Dead Centre

Quattordicesimo titolo con protagonista Nick Stone, è un ottimo romanzo d’azione spionistica contemporanea che...

Stefano Di Marino, 6/11/2013