Il Professionista non è morto... lo so era prevedibile che quell’ultimo colpo di pistola con cui Mimy Oshima vendicava l’amante ucciso da Chance Renard [in Nome in codice: Loki, Segretissimo n. 1581] non segnasse la parola fine. Un nuovo inizio magari.

Perché dopo diciassette anni «Il Professionista non è morto come molti credevano. Come molti si auguravano». E non sono solo le parole della quarta di copertina del volume in edicola in questi giorni [Segretissimo n. 1585]. Il mondo editoriale, la crisi, una certa spocchia dell’establishment editoriale, insomma voi che mi seguite lo sapete cosa intendo.

Il Prof non ha mai pensato di mollare ma le volte in cui ho pensato «questa è l’ultima avventura che scrivo» sono state diverse. Smentite sempre e solo grazie a voi che seguite il personaggio, che mi scrivete in privato con quesiti, richieste di anticipazioni, segnalando preferenze e manifestando desideri. Non crediate che non sia importante anche se al personaggio sono affezionato da sempre e ogni volta che lo riporto in azione è come ritrovare una parte di me stesso.

                

Il Professionista ha cinquant’anni ma vive nel mondo degli eroi. Al momento rimane a quell’età perché è ancora forte a sufficienza per affrontare le sue battaglie, per sedurre, per essere quello che ho sempre voluto che fosse. Un ribelle, un anarchico. Uno un po’ fuori di testa, come ci piacerebbe esserlo tutti ma, nel mondo reale, non sempre è possibile.

Il re è morto

Una fiaba senza lieto fine

Lucius Etruscus, 7/10/2020

Il cerchio si chiude intorno al Professionista

Un episodio fondamentale nella saga di Chance renard. Nemici vecchi e nuovi si confrontano in un duello che pone il...

Stefano Di Marino, 2/03/2015

Il ritorno di Nightshade

Dopo il Professionista torna un altro grande personaggio di Segretissimo: Nightshade

Lucius Etruscus, 2/12/2013