Dopo il successo del romanzo Tutto quel nero (Il Giallo Mondadori n. 3041), Cristiana Astori torna alla forma del racconto breve per conquistare tutti i fan del cinema horror di serie B (e delle sue regole incontrovertibili).

È uscito nel formato eBook il racconto Il buono, il bruto e la bionda (MilanoNera): abbiamo incontrato l’autrice per parlarne.

              

Dopo un romanzo lungo, denso e corposo, che effetto fa dedicarti ad un racconto breve e fulminante?

In effetti ho dovuto riabituarmici. Non è facile concentrare tutto in poche cartelle, specie per me che in una storia amo soffermarmi sui dialoghi e sui personaggi. Poi ho provato a immaginarmi di scrivere un cortometraggio... anche se trarne uno da Il buono, il bruto e la bionda è tecnicamente impossibile... chi leggerà, vedrà.

                     

Le “regole” dei film horror sono ferree ed inviolabili: come mai noi continuiamo a vederli sapendo già che chi si separa dal gruppo morirà?

Umberto Eco dice che i fruitori di una serie non amano tanto le variazioni all’interno di un episodio, quanto la ripetizione delle costanti. Per esempio nel tenente Colombo i momenti che pregustiamo sono quelli in cui nomina la moglie o pronuncia la solita frase: «Un’ultima cosa...», anziché la detection in senso stretto. Così lo stesso vale per gli horror: gli stereotipi ci rassicurano, in questo caso dandoci la paradossale certezza che qualcosa di imprevedibile sta per accadere.

                     

30 giorni di notte 2: Cristiana Astori

Intervista con la premiata autrice di noir ed horror, nota traduttrice dei romanzi di Dexter nonché conoscitrice...

Lucius Etruscus, 14/05/2013

Tutto quel rosso, una sinfonia di sangue

Un killer che uccide con una mannaia, una ragazza che soffre di narcolessia, una città che Dario Argento ha...

Antonino Fazio, 29/12/2012

Tutto quel rosso, una sinfonia di sangue

Un killer che uccide con una mannaia, una ragazza che soffre di narcolessia, una città che Dario Argento ha...

Antonino Fazio, 28/12/2012