Anno nuovo, visione dal limite nuova. Non più solamente film, ma anche libri on the edge. La bordata di apertura dell’anno elettorale 2006? L’opera meta-politica più dura e micidiale della decade: NOI SAREMO TUTTO (Mondadori Strade Blu, 2005), con il quale il sempre formidabile Valerio Eymerich Evangelisti ancora una volta riesce a spiazzare tutto e tutti.

      In caso qualcuno di noi non se ne fosse ancora accorto, lo Zio Sam non è manco per nulla quel simpaticone che arriva alla domenica mattina portando pollo fritto del Kentucky e apple pie. Al contrario, l’essenza profonda dello Zio Sam è un coacervo di mafia omicida, fascismo squadrista, sindacalismo da suburra e capitalismo vampiresco. That’s damn straight, people: time to wake up to the American Nightmare! E questo fatale “incubo americano”, Valerio Evangelisti lo sbatte in faccia al lettore nemmeno delle prime pagine ma addirittura dalle prime righe di NOI SAREMO TUTTO.

      Porto di Seattle, Washington, 1920. Il mattatoio della Prima Guerra Mondiale sta ancora grondando, il disastro della Grande Depressione è ancora lontano e le idee marxiste scaturite dalla Rivoluzione d’Ottobre approdano fino alla remota costa americana del Pacifico. A questo sorgere del sindacalismo politicizzato si contrappone la subdola quanto brutale reazione del padronato assolutista post-Rivoluzione Industriale. Dai pestaggi sui moli, lo scontro tra Union & Counter-Union dilaga come una medusa nelle strade, nei vicoli, nei bar. E’ questo il terreno di coltura più fertile per la proliferazione di ogni sorta di feccia.

      Per quanto appena adolescente, Eddie Lombardo promette già molto bene quale principe degli scarafaggi in training. Ignorante, carognesco, viscido, violento e fascista fino al midollo, Eddie ha già voltato le spalle alla sua famiglia, al suo retaggio di immigrato italiano, alla sua storia di oppresso ed è più che deciso a raggiungere le più alte cime abissali dell’infamia. Non è un caso che venga immediatamente addocchiato dai mafiosi che gesticono il crumiraggio per conto dei colletti bianchi. Né è un caso che sia tra i prescelti per il cuneo di sfondamento del fronte sindacale di San Francisco, l’altro grande porto americano dell’Ovest.

      Re-inventatosi come Eddie Florio, il nostro procede nella sua crociata nel cuore tenebra della coscienza, cieco ma non per per questo meno compiacente strumento del liberismo più crudo e più spietato. Organizzatore di crumiri, sindacalista da trivio, picchiatore a tassametro, killer a cottimo e maniaco pervertito a tempo pieno, Eddie Florio sembra non conoscere limite superiore nella sua irrestibile ascesa. Adesso, siamo ormai negli Anni ‘30, Eddie tratta direttamente con i Big Boys, l’intera genia di banchieri a industriali arruffoni che strapparono gli ultimi brandelli di carne dal teschio dell’America amara post-Depressione e che ingrassarono con il New Deal di Roosevelt.

A Bologna c'è Alphaville, in ricordo di Valerio Evangelisti

La pubblicazione dei saggi di Valerio Evangelisti sarà presentata in Sala Borsa a Bologna

Redazione - MS, 24/10/2022

Rex tremendae maiestatis

Marilù Oliva, 23/12/2010

Guerrieri, Eymerich... e mass media

Si parla del fumetto di Carofiglio mentre in tv trasmettono il suo romanzo e di un nuovo romanzo con Eymerich di...

Mauro Smocovich, 4/01/2008