Forse il Bond più amato dai cultori del nuovo cinema di Hong Kong. Per la verità Il domani non muore mai (Tomorrow Never Dies, 1997) arriva in un’epoca in cui lo straripante influsso del cinema di Hong Kong ha ormai esaurito la sua spinta. Siamo nel 1997 ma il film esce dopo lo storico handover della ex colonia alla Madrepatria cinese e gran parte dei cineasti di HK sono già “emigrati” negli USA a importare sparatorie al rallentatore e grafici balletti di proiettili. Di fatto l’Occidente ha scoperto solo tardivamente John Woo, le sue storie e i suoi eroi.

L’inserimento nel cast di Michelle Yeoh, che di quel cinema fu ambasciatrice nel mondo (basta vedere i film della serie Yes, Madam per rendersene conto) è emblematico della volontà di catturare il pubblico che in quegli anni ha seguito quel particolare genere di cinama d’azione.

Come non è casuale che parte della vicenda si svolga in estremo oriente. I produttori avrebbero voluto il Vietnam e la baia di Halong ma il Governo di Hanoi si oppose giudicando ancora inammissibile supportare le gesta di un agente imperialista e si sopperì con una ben riuscita cover di Saigon con Bangkok e della suddetta baia con l’ormai mitica Phang Nga, che già era stata impiegata ne L’uomo dalla pistola d’oro. Ma il film non è, evidentemente solo questo.

             

Il ritorno del detective Goren

Dopo un anno di assenza, in occasione della stagione conclusiva di “Criminal Intent” torna il “titolare”...

Lucius Etruscus, 13/03/2014

Guerra nelle strade

La sanguinosa vicenda delle Triadi entra nella sua fase più drammatica. Eventi internazionali si mescolano a...

Stefano Di Marino, 5/02/2014

Io & Bond 18: Il domani non muore mai

Rimaniamo nell’era Brosnan della saga cinematografica dedicata a James Bond, ripercorsa con l’occhio del...

Lucius Etruscus, 19/12/2012