Arriva oggi nei cinema italiani il film Contraband, ma è solo la fine di un viaggio: ripercorriamolo.

Reykjavík-Rotterdam (2008) - distribuito in DVD italiano dalla Terminal Video - è un film islandese diretto dal regista televisivo Óskar Jónasson, che è anche co-sceneggiatore insieme al romanziere Arnaldur Indriðason, celebre autore delle storie del commissario Erlendur Sveinsson (i cui libri, come il recente Cielo nero, sono tutti editi in Italia da Guanda). I due autori di Reykjavík creano un noir avvincente e “sporco”, che alterna violenza e thriller a momenti di innegabile umorismo. Un film europeo che nulla ha da invidare alle grandi produzioni statunitensi (anzi, forse qualcosa addirittura da insegnare).

           

Kristófer è il classico sbandato che cerca di rigare dritto. Fondamentalmente è un contrabbandiere che, dopo un po’ di galera per un colpo finito male, sta cercando di rimanere pulito con moglie e due figli. Ma la povertà e l’umiliazione di essere sempre considerato un poco di buono lo spingono a tentare un ultimo grande colpo: si imbarca su una nave battente bandiera islandese e organizza un colpo per l'arrivo a Rotterdam. Non c'è bisogno di dire che gli imprevisti sono tanti e che le cose non andranno come pianificate.

           

Questo noir islandese non punta sull'originalità della storia, ma sul fatto di saper presentare in modo fresco e addirittura divertente una storia già vista. Le claustrofobiche ambientazioni a bordo della nave, il gelido Mare del Nord, la rozzezza dei volti dei protagonisti, tutto concorre a fare di Reykjavík-Rotterdam un film davvero apprezzabile. Non solo, anche un titolo da concorso: nei due anni successivi all'uscita, infatti, la pellicola è stata presentata a concorsi e festival fra Europa e USA. Da Stoccolma a Palm Springs, dal Festival di Rotterdam a quello di Göteborg fino a quelli di Portland e Seattle, si può dire che il film abbia navigato molto di più della rotta che racconta la storia. (Anche se gli unici premi vinti sono quelli dell'islandese Premio Edda, assegnati per la regia, montaggio, musica, sonoro e sceneggiatura.)

Visto che il film islandese non prevede alcun costo se non quello di uno scenario a bordo di una nave, sembra nato perché il cinema statunitense (alla canna del gas da parecchi anni) se ne impadronisca. Così con una curiosa operazione Baltasar Kormákur, il bravo attore protagonista di Reykjavík-Rotterdam, viene chiamato a fare il regista di Contraband, il remake statunitense arrivato oggi nelle sale italiane.

        

Guida TV 2-4 agosto

Palinsesto studiato da ThrillerMagazine per passare il week-end all’insegna di tutti i colori del thriller in TV

Lucius Etruscus, 2/08/2013

Contraband

Sergio Gualandi, 3/08/2012

Contraband da oggi al cinema

Esce nelle nostre sale l’atteso remake di un apprezzato thriller islandese, con un filo conduttore che unisce...

Lucius Etruscus, 25/07/2012