Forse l’albo più intrigante dell’intera saga di XIII è... il quattordicesimo: L’inchiesta. Composto come un dossier contiene brevi sequenze a fumetti che raccontano in parallelo i tentativi di mettere sotto silenzio un reportage realizzato da due giornalisti e alcuni dei fatti raccolti nella detta inchiesta. E poi foto, disegni esclusivi, foto di location. Insomma un source book imperdibile per chi ha seguito la saga di XIII nel corso degli anni.

Tra i vari fumetti di spionaggio che ho letto in questi ultimi decenni è senz’altro il migliore. Una serie tra le più complesse, ramificate e, sinceramente, non semplicissima da seguire ma, proprio per questo più affascinanti. Ma per godere appieno della suggestione narrativa di questa saga dobbiamo partire dal primo albo, Il giorno del sole nero [Le jour du soleil noir, 1984].

                     

Chi è l’uomo che approda quasi morto sulle coste del Maine privo di memoria?

Sulla pelle ha un numero tatuato, XIII, ma non ne conosce il significato. Presto si scatena intorno a lui una micidiale caccia all’uomo che costa la vita di quanti lo hanno aiutato per solidarietà umana. Un killer ferocissimo, la Mangusta, lo bracca con una squadra di sicari. Un gruppo paramilitare chiamato SPADS lo cerca. Un complotto che arriva ai vertici della Casa Bianca e porta in scena uno scenario di cospirazioni che vagamente ricorda i drammatici episodi legati alla famiglia Kennedy.

Ma chi è veramente XIII? L’agente Steve Rowland dato per morto in servizio e tornato in America con l’identità di Jake Shelton, oppure il leggendario guerrigliero sudamericano El Cascador?

Ludlum [8] Laboratorio mortale

Le ambientazioni europee e asiatiche sono convincenti e anche se il taglio è prettamente televisivo il prodotto...

Stefano Di Marino, 20/03/2013

Ludlum 3: Bourne Identity

Continua il viaggio di Stefano Di Marino, nella sua rubrica “Colpo in Canna”, nel mondo cine-letterario di Jason...

Lucius Etruscus, 13/02/2013

Ludlum: l'uomo delle cospirazioni

Inizia un nuovo ciclo di articoli nella rubrica “Colpo in Canna”. Stefano Di Marino dopo Bond ci guida in un...

Lucius Etruscus, 30/01/2013