Nel 1936, la 205° squadriglia della Regia aeronautica adottò come stemma tre sorci verdi. "Ti faccio vedere i sorci verdi" da allora significa dare filo da torcere, sconfiggere, umiliare. Negli ultimi venti anni la Lega Nord ha certamente fatto vedere “i sorci verdi” all’Italia. Le sue campagne, i suoi motti, la sua propaganda hanno permeato il sentire popolare affermando una vera e propria egemonia culturale.

Sorci verdi è un’antologia composta da diciassette racconti scritti da altrettanti autori - Giulia Blasi, Annalisa Bruni, Giuseppe Ciarallo, Giovanna Cracco, Alessandra Daniele, Girolamo De Michele, Valerio Evangelisti, Angelo Ferracuti, Fabrizio Lorusso, Davide Malesi, Stefania Nardini, Valeria Parrella, Walter G. Pozzi, Alberto Prunetti, Stefano Tassinari, Massimo Vaggi, Lello Voce - che si sono ritrovati insieme quando le amministrazioni leghiste del Nordest hanno cercato di mettere al bando i libri di diversi autori italiani. Nacque allora Scrittori contro il rogo, all'interno del quale è scaturita l'idea di questo libro.

Questo libro, i cui eventuali utili saranno destinati a sostenere la biblioteca del carcere di Padova, rappresenta una narrazione collettiva di umori, pensieri profondi, desideri e speranze di una parte del nostro paese che ha coltivato ansie xenofobe, sogni di secessione ma che si è anche radicata nel potere politico locale e nazionale.

Come è nato il progetto?

È emerso dalle discussioni fra alcuni degli scrittori mobilitatisi contro il prospettato bando di vari testi dalle biblioteche nordestine, che io ho definito il Bando del Brenta.  Ci siamo detti:  il miglior modo per combattere chi vuole bandire i libri è scriverne un altro.

L’antologia è collegata al movimento “Scrittori contro il rogo”, che sorse appunto quando le amministrazioni leghiste del Nordest cercarono di mettere al bando alcuni libri. Dopo l’esperienza nazista del Bücherverbrennung si pensava che nessuno si sognasse più di proporre questi gesti distruttivi...

Chi lo pensava, peccava d'ottimismo. Un peccato che può essere mortale, e la spaventosa regressione politica, economica, e culturale in atto lo dimostra. Mai abbassare la guardia.

Diciassette racconti inventati che prendono spunto da una certa Italia reale. Leggendo l’antologia e ripensando ad alcuni fatti di cronaca e politica, delle volte si ha la sensazione che alcuni atteggiamenti leghisti si prestino particolarmente allo sberleffo...

Sì, ma è uno sberleffo amaro, rivolto a una realtà spesso più truce che ridicola. Alcune delle reali iniziative leghiste sono anche più grottesche di qualsiasi invenzione satirica.

Una provocazione: 3 cose astratte che manderesti al rogo.

Al rogo nessuna,  emettere certe sentenze è prerogativa esclusiva di padre Nicolas Eymerich. Ci sono però alcune cose al cui funerale vichingo parteciperei ben volentieri, prime fra tutte il Capitalismo che s'è fatto religione, le discriminazioni di ogni tipo, e la perenne guerra neocoloniale. Philip K. Dick aveva già previsto l'espansione fino all'Iran d'una simile guerra, nel suo racconto ''Breakfast at twilight'' del 1953, nel quale si parla anche di libri vietati e requisiti.

Secondo te perché l’ideologia leghista ha ricevuto numerose adesioni in precise zone territoriali?

Golosi criminali

III edizione del Festival del Giallo a Pistoia

Redazione, 14/01/2013

Serravalle Noir 2010

Valerio Varesi, Serge Quadruppani, Luigi Bernardi, Leonardo Gori, Giuseppe Di Bernardo, Marco Soldi, Barbara Baraldi...

Redazione, 30/08/2010

Jean Claude Izzo

Dal 7 aprile in libreria un omaggio allo scrittore, all'uomo, al giornalista, che è stato ciò che scriveva

Redazione, 7/04/2010