La trama: Stefano e Vittorio sono vecchi compagni di università che da vent’anni hanno perso i contatti: veterinario e borghese il primo, animalista militante il secondo. Una sera, senza preavviso, Stefano riceve una telefonata dalla madre dell’amico: Vittorio è morto, e ha lasciato una lettera in cui è racchiusa la propria straziante storia, quella di un uomo che ha scelto una vita totalmente dedicata alla difesa dei diritti degli animali. Questa rivelazione costringerà Stefano a una discesa negli inferi e a fare i conti con se stesso. Tra veterinari corrotti prestati al traffico di cuccioli, l’orrore della vivisezione e attivisti dell’Animal Liberation Front, un romanzo di un amore estremo, quello nei confronti degli animali.

L’autrice: Deborah Gambetta è nata a Torino nel 1970 e vive a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna. Ha pubblicato nel 1998 Viaggio di maturità (EL, Frontiere) e nel 2003 La colpa (Rizzoli). Un racconto è comparso nell'antologia Patrie Impure (Rizzoli, 2004) e un altro nell'antologia Ragazze che dovresti conoscere (Stile libero/Big, 2004). Nel 2005 ha pubblicato per Einaudi Il silenzio che viene alla fine (Stile libero/Big, 2005).

È tutto a posto (Edizioni Ambiente, Collana Verdenero) è un noir di ecomafia dedicato agli animali (nel senso letterale e non, a partire da pag. 5: “Dedicato a tutti i Patatina, Joy, Maggiore, Ellie, Bianchetto e Strike del mondo”), un importante tassello nella lotta al maltrattamento degli stessi, alla vivisezione, agli orrori che molti sono costretti a subire. Un tassello importante, dicevo, perché promuove la consapevolezza del fenomeno. Secondo te a che punto siamo, come consapevolezza, in Italia?

Per quanto le associazioni animaliste promuovano petizioni, cerchino di informare, si muovano nei confronti del Governo per far approvare questa o quella legge, sul fronte consapevolezza sono pessimista. E qui, ovviamente, mi riferisco a chi non sa, a chi non vuole sapere e a chi semplicemente se ne frega. Gli animali, purtroppo sono, dalla stragrande maggioranza della gente, considerati accessori. Si ama solo il proprio cane o il proprio gatto. Quello che manca è una consapevolezza culturale. Ci sono fior fiore di scrittori e filosofi che hanno scritto in difesa degli animali eppure, per quanto ci si ritenga colti e preparati, per quanto si possa dire di amare il pensiero dell’uno o dell’altro, appena si arriva all’argomento ‘diritto degli animali’ trattato dagli stessi, si diventa improvvisamente sordi. C’è una chiusura forte, psicologica anche, all’argomento animali. E lo dimostra lo scarso spazio, o meglio approfondimento, dato dai media al fenomeno del maltrattamento. Conosco persone che trovano insopportabile aprire, per esempio, la home di Facebook e dover subire la presenza di link che riguardano il maltrattamento di animali. O persone che deridono chi, della difesa degli animali, ha fatto il centro della propria vita. Beh, io trovo insopportabile questo atteggiamento.

Se tu avessi il potere di arginare il fenomeno, quali provvedimenti prenderesti all’istante?

Se avessi il potere – ma molto potere – sarei decisamente radicale. La lotta per i diritti degli animali, contro il loro maltrattamento, è una lotta a 360 gradi. La mia è un’utopia, ma di certo inasprirei le pene – e non in termini pecuniari – per chiunque commette abusi, poi vieterei qualunque tipo di sfruttamento legato al ‘divertimento’, dal fenomeno dei circhi giù giù fino all’ultima delle sagre paesane, passando per i vari palii. Abolirei la vivisezione, l’allevamento di animali da pelliccia, l’importazione di pellicce dall’estero, vieterei qualunque tipo di allevamento intensivo, regolerei la situazione dei macelli, insomma, potendo, sarei molto drastica.

Si evince che il romanzo poggia su una ricca documentazione. Come hai proceduto?

Ovvio che non ero del tutto digiuna dell’argomento. Bene o male mi sono sempre tenuta informata, ma per scrivere questo libro non solo dovevo circoscrivere gli argomenti ma anche procedere in maniera più sistematica quindi sono partita dai rapporti sia sulla vivisezione che sulle zoomafie che pubblica la LAV sul loro sito.

DVD Novità Sinister in videoteca

Novità Sinister in videoteca

Ecco dei titoli di vario genere targati Sinister Film appena rilasciati in DVD

Lucius Etruscus, 16/01/2020

Guida TV 27-29 dicembre

Palinsesto studiato da ThrillerMagazine per passare il week-end all’insegna di tutti i colori del thriller in TV

Lucius Etruscus, 27/12/2013

Festival del Giallo & Noir

Talenti in vetrina alla Spezia. Pubblichiamo il regolamento

Redazione, 10/12/2013