La selezione può comunque essere utile per cogliere le principali tendenze manifestatesi nell’arco di cinquant’anni, dal cinema d’autore a quello di denuncia, dalle farse alle parodie raffinate, dalle commedie di costume alle ricostruzioni storiche.

 

In nome della legge, Pietro Germi, 1949

Tratto dal romanzo Piccola pretura di Lo Schiavo, il primo film importante che si occupa direttamente di mafia in Italia.

Il ligure Germi, innamorato della Sicilia, traduce la lezione del western americano in una storia di grandi e mitici antagonismi, con un capomafia che sa bene cos’è il senso dell’onore e un giovane pretore combattivo che se ne serve per riportare l’ordine in paese.

 

Salvatore Giuliano, Francesco Rosi, 1961

Film fondamentale, in cui la mafia viene riletta come elemento chiave in un contesto segnato da arretratezza economica, ambiguità delle istituzioni e rivendicazioni sociali.

Calibro9 a Milano

Arriva “Un giorno a Milano” e nasce Calibro9, collana di gialli e noir diretta da Paolo Roversi

Redazione, 31/10/2013

Io sono la tua Morte

Per festeggiare in modo davvero inedito il giorno dedicato ai “cari estinti”, ThrillerMagazine regala ai suoi...

Lucius Etruscus, 2/11/2012

Il mattino ha l'oro in bocca

Sergio Gualandi, 20/03/2008