Licence to Kill - da noi tradotto Vendetta privata per l’ovvia ragione di non ripetere il titolo italiano de Il Dr. No - comincia benissimo. Piace il recupero di David Hedison uno dei migliori Leiter della serie (Vivi e lascia morire), l’intreccio tra il suo matrimonio, la cattura del narcotrafficante Sanchez e la seguente vendetta che ripesca (sempre da Vivi e lascia morire) una delle sequenze migliori della serie romanzata. E piace anche il filo che conduce al racconto di Ian Fleming La rarità Hildebrand [The Hildebrand Rarity, 1960, raccolto nell’antologia Solo per i tuoi occhi] con Krest e la coda di manta usata come frusta per punire la bella infedele. Timothy Dalton si dimostra volitivo e atletico, sa uccidere per vendetta e si muove con dimestichezza tra investigazione e azione.

Cosa non funziona allora, tanto da lasciarci con l’amaro in bocca nei titoli finali quanto all’ormai classico “James Bond tornerà” non si abbina il titolo di un prossimo episodio?

            

Difficile dirlo perché l’ultimo film firmato dal mestierante John Glen ha tutte le carte in regola per riuscire. Robert Davi è un nuovo genere di cattivo, trafficante di droga lontano dal mondo dello spionaggio.

Va bene. Siamo nell’89 e l’impero sovietico sta per cadere. Inutile riesumare la Guerra Fredda e anche la distensione. Ormai sono i narcotrafficanti, i gangster globalizzati la vera minaccia. Alla CIA e all’MI6 si affiancano l’FBI e l’antidroga di Hong Kong che entra in scena a Panama (trasformata nell’immaginaria Isthmus) che, non a caso, è diventata territorio dell’espansione economica cinese. Anche il furto degli Stinger è un elemento accessorio a una storia che ha giustamente un piglio moderno. Una trama che come abbiamo visto ripesca nella tradizione bondiana ma tiene conto anche di Miami Vice. E, generalmente, ci si astiene da scivoloni in un’ironia che ormai ha fatto il suo tempo.

Personalmente trovai all’epoca un po’ fuori tema la comparsata del figlio di Armendariz nel ruolo del presidente burattino e la presenza del predicatore porcellone che, tuttavia, un suo senso ce l’avrebbe avuto. No, i problemi sono altrove.

Io & James Bond 16: Vendetta privata

Nuovo titolo dell’Era Dalton nel ciclo di film su James Bond, analizzato da Stefano Di Marino nella sua rubrica...

Lucius Etruscus, 5/12/2012

Io & James Bond [15] Zona pericolo

È strano vedere un Bond che si muove tra scenari della Guerra fredda e l’invasione dell’Afghanistan a pochi...

Stefano Di Marino, 28/11/2012

Io & Bond - Solo per i tuoi occhi

Continua il viaggio di Stefano Di Marino attraverso il mondo di James Bond, l’agente segreto più famoso del...

Lucius Etruscus, 7/11/2012