Certo la scienza ne ha sempre terrorizzati molti, dai tempi dei tempi! Una volta si chiamavano alchimisti. Bella genia di eretici, indemoniati, anticristi. Dopo Hiroshima è stata la volta degli scienziati atomici, a impazzire e far danno. Tra le due guerre invece sono andati molto gli strizzacervelli, soprattutto nella variante psicoanalitica.

Ce ne sono più d’uno che fanno capolino furtivi dalle pagine di molti romanzetti, spesso barbuti, ostinatamente riottosi verso la società glabra che si è imposta da quando il signor Gillette ha cominciato a inondare il mondo con le sue lamette, nel 1901. Barbuti, guarda caso, come Sigmund Freud.

Intendiamoci. Freud, come mentore di sbandati e criminali, era un candidato favorito al ruolo: non fosse altro per quella storia che vorremmo portarci a letto nostra madre. E chiaramente uno che soltanto immagina una cosa del genere non deve essere tanto normale. Pensate a come saranno quelli che gli danno retta, si devono esser detto in parecchi, tra gli scrittori del momento. Del resto, quella di ritrovare una qualche aggancio con il comune sentire del lettore è una pratica sempre diffusa tra gli scrittori di genere. Inoltre quella scienza era davvero nuova, e anche abbastanza confusa, quando un belga, tale Norbert Jacques pensa di ricorrerci per dare un mestiere al suo villain. E butta giù sulla pagina il personaggio sinistro del dottor Mabuse. Il quale è esattamente quello che recita la targa alla porta: uno psicoanalista. E per di più ipnotizzatore, di quelli che ti arpionano con lo sguardo, peggio di Mandrake. E per di più trasformista, abile con le parrucche e le barbe finte. E poi illusionista, capace di sparire da una stanza chiusa come un fantasma.

Insomma si capisce che il nostro Norbert, più che documentarsi sugli scritti del Viennese, deve aver frequentato a lungo i palchetti del Grand Guignol, il grande nonno di tutti noi che immaginiamo delitti arcani. E poi Norbert qualche tratto particolare doveva avercelo di suo: tra qualche anno lo ritroveremo in compagnia dei lupi, a sceneggiare filmetti per Hitler, e per di più in tedesco, proprio in un momentaccio dal punto di vista dell’immagine, quando la Wermacht scorazza per la sonnacchiosa campagna belga sollevando molti ohibò tra i suoi concittadini. E lui nemmeno una piega, tranquillo.

          

Guida TV 28-30 dicembre

Palinsesto studiato da ThrillerMagazine per passare un venerdì, sabato e domenica all’insegna di tutti i colori...

Lucius Etruscus, 28/12/2012

Arriva il Doctor Maleficus

Terzo appuntamento con “Maschere e Pugnali”, la rubrica di Giulio Leoni. In questo punto del viaggio alle...

Lucius Etruscus, 1/08/2012

51. Le memorie di Adam Lang

Attingendo a vere memorie di “fantasmi”, Robert Harris costruisce una storia che dà risalto ad una figura...

Lucius Etruscus, 20/10/2010