François Rabelais (1494-1553) ha una particolarità davvero unica: è fra gli autori che hanno inserito più pseudobiblia in un unico libro! Un’impresa così “pantagruelica” può trovarsi (ovviamente) solo nel “Pantagruele”, del 1532.

Quest’opera affonda le proprie radici in un substrato culturale decisamente popolare. Nel 1532, infatti, viene pubblicato a Lione una raccolta anonima di storie popolari dal titolo “Grandes et inévitables chroniques de l’énorme géant Gargantua”. Si tratta di storie epiche annacquate con forti dosi di comicità, e che si rifanno a loro volta ai canoni del romanzo cavalleresco medioevale, come per esempio il ciclo di Re Artù.

Questa raccolta riscuote un grande successo popolare, e lo stesso anno Rabelais vuole ricollegarsi alle storie narrate inventando il personaggio di Pantagruele, figlio del Gargantua protagonista delle Chroniques. L’operazione riesce ed il successo è tale che l’autore nel 1534 si spinge a riscrivere la biografia di Gargantua stesso, reinterpretandola a suo modo.

Gargantua e Pantagruele sono due giganti che si aggirano per la Francia. Sono giganti buoni, questo sì, ma ne combinano di tutti i colori, e i risultati delle loro imprese sono spesso devastanti per la città che ha la sfortuna di vederli protagonisti. Con questo espediente Rabelais può catturare l’attenzione dei lettori della cultura popolare, raccontando le avventure enogastronomiche dei due giganti (da fine ’800 entra anche nella lingua italiana l’uso dell’aggettivo “pantagruelico” per indicare un lauto banchetto), ma allo stesso tempo mira a fare dei suoi personaggi vere icone del Rinascimento: due uomini giganteschi com’è gigantesco l’appetito intellettuale dell’uomo rinascimentale.

Gargantua fu istruito addirittura da un «sofista nelle lettere latine», anche se i tempi di apprendimento risultano decisamente esagerati: per imparare bene l’alfabeto impiega cinque anni e tre mesi! Poi legge il «“De modis significandi” coi commenti di Urtaborea, Facchino, Cenetroppi, Galeotto, Gianvitello, Billonio, Leccasterco e d’un branco d’altri. Questo insegnamento richiese più di diciotto anni e undici mesi.» Qui si può notare come non sia solamente il libro ad essere inventato, ma anche i commentatori!

Tutta l’opera di Rabelais è disseminata di citazioni vere e citazioni inventate. Ma il più grande assembramento di pseudobiblia lo si può trovare nel capitolo VI del libro secondo, quando Pantagruele ha finito gli studi a Orléans e decide di visitare la grande Università di Parigi.

Arrivato nella città, il gigante è affascinato dalla «libreria di San Vittore», della quale procede ad elencare più di 140 titoli.

Cinema d'assedio [11] Distretto 13

Arriva l’apice dello speciale, il film d’assedio per antonomasia, erede di “Rio Bravo” ed antenato del...

Lucius Etruscus, 21/06/2013

118. Una vera falsa storia

A tutti piace una bella storia: l’essere anche vera è l’ultima delle qualità richieste. Ecco così la...

Lucius Etruscus, 10/09/2012

103. Torna il pantagruelico Gargantua

I Mammut di Newton Compton fanno tornare in libreria la grande opera di Rabelais, il primo esempio (se non la...

Lucius Etruscus, 30/03/2012