Sembra la sceneggiatura di un film noir in bianco e nero questo romanzo di Sonia Bucciarelli, giovanissima studentessa al suo esordio letterario.

La location è una cupa e misteriosa Urbino universitaria, popolata di presenze inquietanti, perfetta persino nella scelta della fortezza di Albornoz come lugubre simbolo della città.

La storia, a metà fra il romanzo nero e il giallo poliziesco, intercalata da improvvise incursioni filosofeggianti, interpreta bene la dimensione esistenziale di una generazione fragile, sospesa fra il timore del futuro e il disagio del presente.

Il quotidiano si trasforma in un incubo per chi, in cerca della verità, trova intorno a sé solo finzione e alienazione. È il caso di Claudia, giovane ispettrice di polizia, incaricata di indagare sulle misteriose scomparse di studenti universitari.

Dentro il bianco

Il nuovo thriller di Sonia Bucciarelli

Redazione, 17/12/2018

Scrivo dunque sono

Un libro di “scrittura espressiva” nuovo e pratico

Redazione, 11/02/2014

Elisabetta Bucciarelli

"Secondo me la tendenza della narrativa oggi, di genere o meno, deve andare nel senso di uno sguardo compassionevole...

Susanna Daniele, 10/09/2011