In questi giorni siamo tutti travolti da quell’espediente letterario che Antonio D’Orrico chiama “l’Effetto Vincenzoni”: quando non sapete come portare avanti una storia, fate apparire un personaggio con la pistola in pugno. Le disgrazie che stavano travagliando il mondo in questi primi mesi del 2011 non sembravano trovare una soluzione, e la storia stava diventando stagnante: nel romanzo mondiale serviva un personaggio con la pistola in pugno a sbloccare la situazione e a distogliere l’attenzione da una trama traballante.

Da giorni ogni organo di informazione si sta consumando per trasmettere una notizia vaga, per mostrare immagini che non ha, per presentare prove che non ci sono e per intervistare esperti che non sanno in realtà nulla: perché se il personaggio ha la pistola in pugno, non è certo una smoking gun, non è cioè quella “pistola fumante” che toglie ogni dubbio nelle storie gialle.

Nel romanzo della presidenza Obama - facente parte del lungo Ciclo del Romanzo planetario - serviva un colpo di scena, il momento topico che cattura l’attenzione e dona nuova luce alla storia: l’uccisione - data ormai per certa - di Bin Laden è la trovata perfetta arrivata al momento giusto:

un consumato romanziere non avrebbe saputo fare di meglio, in quanto a tempismo. Però è risaputo che i “buoni” letterari hanno sempre bisogno di un “cattivo” al loro livello: i super-cattivi non muoiono mai, altrimenti come farebbero i buoni a sapere che sono buoni?

Vista l’elevata percentuale romanzesca in un’operazione di intelligence che ha piuttosto il sapore dell’escamotage letterario, abbiamo chiesto a degli scrittori professionisti cosa ne pensino di questo improvviso sviluppo nel Romanzo di Obama.

 

Ettore Maggi. «Se avessi scritto un thriller fantapolitico in cui

Spy Game per Delos Digital

Nuova collana digitale, dedicata alla Guerra Fredda

Redazione, 15/10/2019

L'estate di Andrea Carlo Cappi

«Quando sai che non ti lasceranno vincere, l’unica scelta è continuare a combattere». Incontro con uno degli...

Lucius Etruscus, 7/08/2012

L'estate di Andrea Carlo Cappi

«Quando sai che non ti lasceranno vincere, l’unica scelta è continuare a combattere». Incontro con uno degli...

Lucius Etruscus, 7/08/2012