Maisie Dobbs di Jacqueline Winspear, Sonzogno 2007.

"Londra, primavera 1929. Dieci anni dopo l'armistizio che ha posto fine a una guerra cruenta, l'intraprendente Maisie Dobbs apre un'agenzia di investigazioni private. Un'occupazione insolita per una donna e un traguardo ambizioso per lei, raggiunto con determinazione e fatica ma anche con un pizzico di fortuna, considerate le umili origini.

Figlia di un venditore ambulante, a tredici anni Maisie viene mandata a servizio presso lady Rowan Compton, aristocratica di idee moderne che prende subito sotto la sua ala protettrice quella servetta intelligente e assetata di conoscenza affidandola al colto e cosmopolita Maurice Blanche, amico di famiglia e celebre investigatore privato e medico legale. Colpito dalla mente brillante e dalle doti intuitive della sorprendente ragazzina, questi impartisce a Maise un'istruzione di prima qualità, dandole l'opportunità di accedere all'esclusivo Girton College di Cambridge e in seguito- dopo aver servito come infermiera volontaria di guerra- di lavorare con lui in qualità di assistente.

Ora Maise è alle prese con il suo primo vero caso: una sospetta infedeltà, come teme Mr. Davenham nei riguardi della moglie Celia, che a volte sparisce di casa senza dire dove va o accampando vari pretesti…".

Questa Maise Dobbs è davvero un personaggio eccezionale. Capelli neri e occhi azzurri che guardano "dritto dentro". Sin da piccola dura, forte, caparbia. Quando sa che deve andare dai Compton gli occhi le si riempiono di lacrime, serra la mascella per resistere al pianto e chiude a pugno le mani dalle lunghe dita. Intenso e affettuoso rapporto con il padre Frankie vedovo (vive solo per lei) e con il suo insegnante privato Maurice Blanche i cui consigli le sono utili anche nella vita adulta.

"Il suo nuovo ufficio consisteva in una singola stanza dotata di una stufa a gas, una lampada a gas su ogni parete e una finestra a ghigliottina che dava sul palazzo di fronte e su una distesa din tetti. C'erano una scrivania di quercia con una sedia dalla stabilità dubbia e, a destra della finestra, un vecchio mobile archivio".

Camminata veloce, le piace vedere il Tamigi, le ricorda il nonno materno che era stato chiattaiolo. Suo padre, Frankie, un venditore ambulante. Non può stare zitta e deve dire la sua anche nel momento meno opportuno. Però sa rispettare il modo in cui ciascuno racconta la sua propria storia.

Affascinata dalla biblioteca di lady Rowan (opere filosofiche di Hume e

24 ore per non morire

La nuova indagine del commissario Erica Franzoni

Lucius Etruscus, 5/10/2020

La morte e l'oblio

La morte e l'oblio

Fabio Lotti, 5/01/2017

“GialloLuna NeroNotte”. Premio letterario

Terza edizione per il premio letterario nazionale dedicato agli autori di giallo, thriller e noir

Redazione, 12/01/2015