Erano anni che aspettavo di leggere questo libro. Non esattamente “questo” romanzo, ma uno simile che sapesse ricreare l’entusiasmo delle mie prime letture spionistiche, di Ian Fleming e poi del suo unico vero apocrifo all’altezza dell’originale, Il colonnello Sun (1968) di Kingsley Amis che preferì firmarsi Robert Markham.

Di apocrifi bondiani poi ce ne sono stati molto, quelli di John Gardner, di Christopher Wood, dell’amico Raymond Benson (tra i migliori) ma nessuno all’altezza della serie di Fleming o del romanzo di Amis. Negli ultimi anni ho provato cocenti delusioni sia per la snobistica e quasi risibile rilettura di Sebastian Faulks sia per la troppo lunga e, per me, fuori bersaglio sortita di Jeffrey Deaver. Con qualche titubanza ho quindi acquistato Solo di William Boyd, autore noto per la sua conoscenza della situazione africana, come testimoniano A Good Man in Africa (1981) e Come neve al sole (An Ice Cream War, 1982) tra i tanti titoli.

Sorpresa, sorpresa! Un romanzo da leggere e finire nello spazio di due pomeriggi...

      

Siamo nel 1969 e James Bond (stando ai necrologi riportati in Si vive solo due volte) è nato nel 1924. Festeggia quindi (da solo, con un pizzico di malinconia e con qualche pensiero cupo dovuto all’ineluttabile trascorrere del tempo) il suo quarantaquattresimo compleanno. Ha però l’occasione di conoscere una bella attrice che lo corteggia a distanza. Forse per abitudine Bond quasi teme una “trappola al miele” così comune nelle meccaniche dello spionaggio della Guerra fredda. Ma, chiarito l’equivoco, viene subito risucchiato in una missione nuova di zecca.

M lo manda nello Zanzarim, paese africano diviso da una guerra civile che tutti vogliono veder terminare per poter mettere le mani sulle ricchezze del paese. E qui Boyd gioca le sue carte migliori perché, dopo un incipit che recupera felicemente tutti i canoni della narrativa di Fleming, proietta Bond in un mondo che ha strette parentele con la cronaca internazionale dei tempi ma anche con gli universi narrativi di Maugham e di Greene.

Bondografia

Gli Archivi di Uruk presentano la completa (o almeno si spera) vita editoriale di James Bond in Italia

Redazione, 12/10/2015

Segretissimo per Bond

L’arrivo in Italia del nuovo romanzo di 007 è l’occasione per parlare del personaggio con un team di autori......

Lucius Etruscus, 18/11/2013

Cosa leggeremo: 007 SOLO

Imminente l’arrivo nelle librerie italiane del nuovo apocrifo di James Bond: Stefano Di Marino, nella sua rubrica...

Stefano Di Marino, 23/10/2013