Una grande novità ci aspetta in edicola, in questo luglio mondadoriano che si preannuncia di fuoco. Fra le novità che la storica casa offre ai suoi affezionati lettori c’è El Asesino. Confine di sangue (Border of Blood, 2013), nuovo personaggio d’azione firmato da Rey Molina, presentato in Segretissimo n. 1601, pronto a conquistare i cuori dei lettori.

     

Dalla quarta di copertina:

C’è un locale a Tijuana, Messico, dove non esistono limiti alla trasgressione. Ci puoi passare la notte con una ragazza tutta fuoco. Anche se non ti aspetteresti di scoprire che è un’agente della CIA, mandata a cercare proprio te. A Rey Molina, El Asesino per i nemici, non piace questo genere di sorprese. Ma quelli di Langley vogliono lui, un contractor esterno, per una missione ad alto rischio in Colombia. Un loro agente infiltrato in un cartello di narcos è scomparso prima di poter comunicare un’informazione vitale. In più temono la presenza di una talpa fra le troppe agenzie governative coinvolte nell’operazione. Ecco perché hanno pensato a Rey. Occorre uno fuori dal giro, che non debba guardarsi le spalle dai colleghi. Le priorità: recuperare l’informazione e salvare l’infiltrato, in quest’ordine. Il resto è conversazione.

     

Ecco l’incipit:

È quel momento della giornata che chiamo el gris, col giorno che resta sospeso a un palmo dalla notte. Tutto sbiadisce in un grigio cenere che mal sopporto. Faccio fatica a distinguere i dettagli, a trovare il confine tra luce e ombra. Per fortuna dura pochi minuti, poi scivola via.

Non devo attendere che qualche istante. Giusto il tempo che il cielo si scurisca ancora un po’. Ho visto l’edificio in cui è entrato Aguilar, quindi non ho fretta. So già che ha un appartamento in quella palazzina fatiscente. La guardería negra. La chiamo così. Ovunque sia, chiunque sia el demonio che la abita.

Sento un certo nervosismo prendermi allo stomaco. Serro la mascella con forza e inspiro col naso. Percepisco il sudore sui palmi, quando stringo i pugni. Ma temporeggio, è necessario. Fottuto demonio! In questo momento è da solo, lassù, ne sono più che sicuro, anche se adesso sta preparando la stanza per una nuova diavoleria. Uscirà quando la notte sarà viva. Una puttana, forse due. Di quelle giovani e bionde, messe in strada dai russi. Stasera il mostro ha la catena corta. Il suo è quasi un rituale, giorno dopo giorno, sino a che alla fine...

      

Autore e protagonista in prima persona dei suoi romanzi, Rey Molina è lo pseudonimo di un agente dell’FBI di origini venezuelane che ha lavorato per molti anni come agente speciale in una sezione che opera contro le grandi organizzazioni criminali. Molto di quello che ha visto e fatto è coperto da assoluto segreto. Quando ha deciso di raccontare il mondo di violenza e disperazione del narcotraffico sudamericano, ha capito che doveva farlo attraverso un personaggio particolare, al di fuori delle regole. Così è nato El Asesino. Rey Molina vive con la famiglia vicino al confine messicano, in Arizona.

     

El Asesino: un'ora per non morire

Uccidi prima che ti uccidano

Redazione, 18/01/2021

El Asesino: il codice del Führer

Il ritorno di uno dei nuovi eroi di Segretissimo: il contractor Rey Ángel Molina

Lucius Etruscus, 14/11/2019

[11] Andrea Franco

Tutto nasce dai libri. Anni fa comprai un bellissimo volume sulla seconda repubblica romana e mi innamorai di luoghi...

Elio Marracci, 26/07/2015