Grazia Verasani, conosciuta in Italia come una delle scrittrici più significative della nostra contemporaneità, non è nuova alla musica e soprattutto non è nuova alla voce. Sia perché questo è il suo secondo cd, dopo Nata mai del 1996. Sia perché Grazia è nata artisticamente con la musica - ha fatto il conservatorio e studiato il pianoforte - e ha esordito come doppiatrice. E la sua voce la fa da regina anche quando la Verasani racconta perché il lettore, immergendosi nei suoi romanzi o nei suoi testi teatrali, s’immagina a volte di ascoltarla in audio.

Sotto un cielo blu diluvio è il suo ultimo lavoro, un progetto di dodici pezzi abbinato a un racconto musicale. Si tratta di testi inediti più quattro canzoni dal precedente cd Nata mai: Nata mai, appunto, Con le mani potrei, Nel sangue e Interiora. Il cd è stato prodotto da Oderso Rubini e David Bisetti ed è stato realizzato con la collaborazione di un gruppo di musicisti di assoluto livello: il pianista Arturo Stàlteri, Camilla Missio al basso elettrico e al contrabbasso, Carlo Maver al bandoneon, Marco Bertoni alle tastiere, Patrizia Ferrarini alle percussioni e Frank Nemola alla tromba. Nelle canzoni si ritrova la tradizione romantica del cantautorato italiano, francese, certo più europeo che americano, da Leo Ferrè a Leonard Cohen al primo Venditti di Le tue mani su di me, al jazz, alla new wave inglese degli anni ‘80 fino ai Depeche Mode del decennio successivo. Il cd ha arrangiamenti minimalisti, alcuni pezzi sono rigorosamnete acustici (piano, violoncello, bandoneon) e altri arrangiati risentono di venature rock (Posso, Cielo blu Diluvio, Immobile), altri ricordano ballate all'americana (Amsterdam) o walzer, come Interiora le cui parole sono giocate sull'ironia del testo (e qui la tradizione degli chansonnier francesi).

A corredare il tutto va aggiunto un bellissimo racconto breve intitolato Cinque donne facili, che parte nelle ambientazioni del Cocorito Club, il locale dove Angelo Catelli si esibisce al pianoforte indossando un completo nero. In sottofondo scorre copiosa la musica: Velvet Underground, Nico, Brian Eno, Television... Le vere protagoniste sono in realtà le cinque donne facili che si imbattono in Angelo e nella sua anestesia all’illusione dell’amore: «Le donne erano sempre state la sua più grande vocazione: la croce e la delizia dei suoi quarant’anni romanticamente trasandati. Ed erano anche la sua settimana enigmistica preferita».

Come l’autrice stessa ha dichiarato, Sotto un cielo blu diluvio è: «Un progetto no budget nato sotto una buona stella grazie anche all’aiuto e al talento di musicisti fantastici come Arturo Stàlteri, Camilla Missio, Vincenzo Pastano, Frank Nemola».

La Verasani come cantante è stata paragonata a Mary Gauthier e a Lucinda Williams, a Nada e alla Nannini. La musicalità della sua voce riempie le note, s’insinua, sensuale e carminia, con onde morbide anche laddove il testo è tagliente, le parole feriscono, scuotono o inducono a una riflessione non edulcorata dei rapporti umani. Differenti sono le situazioni e gli stati d’animo rivelati come in una poesia. A partire dalla canzone quasi eponima Cielo blu diluvio segnato, come annuncia il titolo, dall’instabilità emotiva:

«Quanto traffico dentro di te

Quanta nebbia e rumore che c’è

Hai il cuore infranto come un bicchiere

La tua doppia personalità

Come dottor Jekill e mister Hyde

E mari mossi dentro i tuoi occhi

Ti nascondi nel buio e ti senti perduto

 Sotto un cielo blu diluvio

Sotto un cielo blu diluvio

Sotto un cielo blu diluvio»

Qui un breve video del brano cantato e suonato dal vivo:

-

Voci in nERo

Un documentario raccoglie le testimonianze di alcuni fra i più importanti scrittori di genere del nostro paese:...

Redazione, 26/11/2012

Grazia Verasani, la voce e non solo

Quanto traffico dentro di te Quanta nebbia e rumore che c’è Hai il cuore infranto come un bicchiere La tua doppia...

Marilù Oliva, 15/04/2010

Festival GialloMare

Cene con delitto, laboratorio di scrittura e incontri con gli autori sulla riviera marchigiana

Redazione, 29/06/2009